Microcredito in Siria ?

Incrementare l’accesso al credito all’oltre milione di siriani caduti in povertà a causa della grave siccità, per rilanciare l’economia dell’area ed offrire una possibilità tanto a chi è stato costretto a migrare verso le città, quanto a chi è rimasto nelle zone colpite nonostante il crollo degli affari e dell’acqua disponibile.

L’agenzia collegata alle Nazioni Unite Irin News riporta la notizia dell’impegno in questa direzione della Aga Khan Fundation, al lavoro nelle aree colpite dalla siccità. Attraverso la sua società controllata, la First Microfinance Institution (Fmfi), la fondazione destina il 25% dei prestiti (che ammontano tra i 65 ed i 3.247 dollari Usa) al settore agricolo, promuovendo tecniche agricole più efficienti.

La grave siccità che dal 2006 si abbatte nel nord-est del paese ha colpito, stando ai dati dell’Onu, più di 1,3 milioni di persone, condannando tra l’80 e l’85% del bestiame. Nel mese di settembre l’Un Special Rapporteur Oliver de Schutter ha affermato che tra i 2 ed i 3 milioni di persone sono cadute in estrema povertà, molte delle quali costrette all’esodo verso le città.

“La micro finanza potrebbe rivelarsi un importante strumento per sollevare dalla povertà e rilanciare il sostentamento tanto (direttamente) tramite un incremento delle entrate, quanto (indirettamente) attraverso un diffondersi sia del senso di responsabilità che delle possibilità, come l’accesso alla scuola”, afferma Mohammed Khaled, responsabile di Medioriente e Nordafrica per il Consultative Group to Assist the Poor (Cgap) di Washington DC.

“Abbiamo concentrato gli sforzi nella promozione della produttività e nella maggior efficienza dell’impiego dell’acqua in agricoltura”, sottolinea Mohamed Seifo, direttore dell’Aga Khan Development Network in Siria. “Il Fmfi ha concesso prestiti agli agricoltori per utilizzare moderni impianti d’irrigazione a goccia”.

L’irrigazione a goccia è più efficiente dei metodi tradizionali, permettendo una dispersione del solo 10% dell’acqua liberata, contro il circa 40% dell’irrigazione in superficie.

Il microcredito è poco praticato in Siria. I dati del Cgap riferiti al 2008 mostrano 41.500 prestiti contro un serbatoio potenziale di circa un milione di beneficiari. L’esperimento circoscritto alla situazione d’emergenza potrebbe, se positivo, essere impiegato con più frequenza, alla stregua di altri paesi in via di sviluppo.

La diatriba è con la politica delle sovvenzioni di stato: “Le sovvenzioni costano di più in termini di organizzazione e spesso sono a fondo perso, rischiando di compromettere la cultura del prestito”, afferma Khaled. Senza considerare la necessità di pratiche che stimolino un’imprenditorialità attenta alle risorse scarse, come l’acqua.

A oggi, gli allevatori hanno avuto prestiti per comprare nuovo bestiame o per procurarsi foraggio, altri per ripartire con un’attività. Il Fmfi ha accordato fondi a più di 75 mila famiglie in oltre 180 villaggi. In settembre è stata inaugurata una nuova banca, la Ibdaa,.

Ai dubbi degli esperti del settore finanziario circa la fruibilità del microcredito da parte delle vittime della siccità, Khaled risponde: “La micro finanza non è una soluzione per tutti, come ogni persona povera non può improvvisarsi imprenditore. Noi stimiamo attorno al 25-30% le imprese che reinvestono con fortuna e crescono”.

“In Siria servono più istituti, ma siamo fiduciosi sulla loro proliferazione. Le persone possono mettere in discussione l’efficacia di piccoli prestiti, ma non possono discutere il diritto al credito”, conclude Khaled.

Fonte: Irin News

[articolo scritto per Osservatorio Iraq]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Siria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...